.
Annunci online

aletheia
Il blog di Clelia Mazzini


Diario


12 maggio 2005


Giorgio de Chirico, Ettore e Andromaca, 1917Se il mondo avesse un senso, non scriverei: così Albert Camus. In questo, l'esistenzialista, antimetafisico per antonomasia, viene a trovarsi d'accordo con chi invece ha fatto del periscopio metafisico il proprio strumento d'indagine privilegiato. Pur assestato su tutt'altre coordinate poetiche e ideologiche, Giorgio de Chirico avrebbe senz'altro sottoscritto il senso dell'operazione pittorica come correlato dell'assenza di senso del mondo: in modo più specifico e intrigante, dipingere proprio questa assenza di senso, dichiararla, reificarla.
L'operazione metafisica in pittura prende infatti le mosse da una visione radicalmente negativa dell'uomo nel cosmo, nutrendosi della semente nichilista
nietzschiana e della filosofia schopenhaueriana.
De Chirico sonda quello che
Nietzsche, con un'immagine ossimorica, chiamava l'abisso sereno e terribile del meriggio: la metafisica delle architetture, delle statue, degli stralci di portico non è altro che la tranquilla testimonianza di un non-senso. Un non-senso che però, grazie a De Chirico, si è trasformato in "sollecitazione ai sensi", arricchendo (e non di poco) il nostro sguardo (reale) sul mondo e sulla vita.
Un'arte che si nutre di filosofia e che ci restituisce immagini filosofiche è un tratto d'unione prezioso fra lo spirito e i sensi. Il colore si trasforma in pensiero ed i pensieri, prodigiosamente, ricostruiscono impalcature fantastiche.
In mezzo alla "piazza metafisica" ci siamo noi, stupefatti, sgomenti, a volte smarriti, di fronte a tanta forza e a tanta beatitudine.
________________________________________________________________

Ludwig van Beethoven (1770-1827)Odisseo piange alla corte del
re dei Feaci ascoltando l'aedo Demodoco che canta la guerra di Troia; Beethoven mi fa versare le stesse lacrime quando le parti armoniche e melodiche del suo Quartetto op. 130 si effondono.
Sulla partitura si legge che è composta sul ritmo della battuta di un cuore oppresso. Ascoltando l'opera capisco anche cosa l'artista ci ha voluto dire (e far provare).
_________________________________________________________________

John Williams Waterhouse, 1889Come un lampo - rividi quel sentiero
fra le magnolie. E mi toccò il pensiero
che la nicchia nell'edera ancora
non avesse scordato la mia schiena,
che il nido di verbena
non si fosse riavuto.
Da poco era piovuto, e i grandi fiori
dissetati splendevano, che un tempo
come piccoli pugni si serravano
per resistere a un marzo di gran vento.
Passando, in un barbaglio lo rividi.
O mi parve. Talora la memoria
volta lo specchio:
non più freccia - bersaglio.


Fernanda Romagnoli,
Il tredicesimo invitato
_________________________________________________________________
Da visitare e leggere:
I blog e gli articoli segnalati oggi
Ultimo libro inserito in Biblioteca: Hotel world



permalink | inviato da il 12/5/2005 alle 3:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        agosto
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
alba pratalia aràba
non opinari sed scire
lingua facunda
archâios historía
voyages sentimentales
perí tinos
mŷthoplásteo
mousiké téchnē
leviores artes
leopardiana
conferre parva magnis
...we, the memories...
qualcosa di me

VAI A VEDERE



Leggi (se vuoi)

I blog e gli articoli segnalati oggi
(continuamente aggiornati)


Visita la
Biblioteca di alètheia
Libri, blog, articoli
e siti in evidenza
Ultimo libro negli scaffali

Informazione



La Biblioteca è dotata di un motore di ricerca interno.
Quello relativo a questo blog è posto invece qui in basso.

alètheia è dedicato a...

Galassia Blog
I blog che leggo

Interconnessioni
Per un elenco dei siti segnalati


Indice completo degli
articoli di
alètheia

Anno 2005
Anno 2004

Blog nato il 7 maggio 2004
(riaperto il 15 ottobre 2004)


[ Yahoo! ]

CERCA